Mercoledì, 29 Agosto 2012

L’Autorità di vigilanza promuove a pieni voti il Marconi Express

L’Autoritá di vigilanza sui contratti pubblici ha definito il Marconi Express come una delle opere in project financing meno rischiose al momento per le casse pubbliche italiane.

L’organo di garanzia, che lo scorso 4 luglio ha presentato la relazione annuale 2011 alla Camera, ha affermato che il Marconi Express è un’opera ben coperta dai rischi sull'eventuale ritardo di consegna, sui costi aggiuntivi, sugli eventuali standard inadeguati di realizzazione e anche sul rischio che i volumi di domanda del servizio non siano garantiti.

L’authority, infatti, nel 2011 ha selezionato dieci casi in Italia di partenariato pubblico-privato e ha svolto un’attività di vigilanza sulla finanza di progetto, con l’obiettivo di sviluppare un modello più efficace di controllo. Tra i casi studio analizzati c’era anche il Marconi Express, che è stato più volte citato nella relazione come esempio positivo.

In particolare, si legge nel rapporto, per il Marconi Express “è stata riservata grande attenzione alle modalità di allocazione dei rischi tra concedente e concessionario, da cui può dipendere il futuro indebitamento della stazione appaltante”, ossia dell’ente pubblico. L’unico aspetto che l’organismo ha suggerito di migliorare è il “sistema di applicazione automatica delle penali” rispetto alla capacità dei privati di gestire il servizio.